20 novembre 2010

3 notti, 3 sogni


Sono tre notti che faccio sogni assurdi!
Assurdi per protagonisti, luoghi, trama!
Potrei davvero far concorrenza a qualche importante regista americano se solo qualcuno finanziasse le mie elucubrazione notturne!

Non sto qui a raccontarveli nel dettaglio.
Non conoscendo i personaggi perdereste metà della favola.
Però posso dire che mi hanno riportato alla mente persone che non sentivo da parecchio tempo.
Il mio subconscio non le ha dimenticate!

La sensazione che ho provato stamattina, quando finalmente Kalì è riuscita a svegliarmi, è stato di profondo BENE!
Ancora adesso ne sono colma!
Ho sognato una persona alla quale ho fatto tanto male, che ho allontanato in malo modo, sicuramente in un modo che non meritava.
L'ho sognato e per tutto il tempo sono stata pervasa da questa sensazione di, di bene, si, non so trovare altra parola, come se tutti i tasselli si fossero rimessi al loro posto.
L'ho contattato.
Più volte ho provato a farlo, anche in passato.
Ma lui mi sfugge, come se temesse qualcosa, come se mi "temesse", non so.

La mia situazione personale adesso è molto instabile.
Problemi su problemi, ma un attimo di pace mentale!
Poi il libro che sto leggendo non aiuta.
Filosofia, retrospezioni, pensieri complicati su ciò che è vita, evoluzione, esistenza, morte!
Forse dovrei iniziare a prendere le cose con meno patos?!

A.

Un pensiero va a M. che ieri notte ha perso uno dei cardini principali nella vita di una persona.
Le parole non aiutano a colmare il vuoto.
Ti sono vicina.


"Gli elfi adesso si trovano nella fiaba, però non la vedono.
La fiaba sarebbe una vera fiaba se potesse vedere se stessa?
La quotidianità sarebbe un miracolo se non facesse che andare in giro a spiegare se stessa?"
[Jostein Gaarder - Maya]

11 commenti:

  1. fidati che capisco cosa intendi per sogni assurdi! quando li racconto a qualcuno mi chiedono se ho bevuto la sera.. -.- anche io sogno a volte persone che nella mia vita attuale non ci sono più.. e provo anch'io una strana sensazione.. ma poi non ci penso più e tiro avanti per la mia strada..

    ps: che libro stai leggendo?

    RispondiElimina
  2. Sto leggendo il libro da cui ho tratto la frase posta al termine del post!
    "Maya" di Jostein Gaarder autore anche de "Il mondo di Sofia", uno dei migliori libri mai scritti!

    RispondiElimina
  3. Un tempo ne facevo anch'io, ora non me li ricordo.
    Meglio così.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. "Il mondo di sofia"!! Me ne ha parlato un mio amico, mi ha detto che è molto bello!

    Il subconscio a volte fa paura, sì..

    RispondiElimina
  5. Fa paura perchè dice ciò che non vorremmo sentire. Parla un'altra lingua, il più delle volte incomprensibile, il più delle volte perchè l'abbiamo dimenticata. Ma basta riconnettersi con sé stessi e ascoltare ciò che ha da dire. Fa male? SI. Fa paura? Eccome. Una paura nera come la notte, antica come il mondo. Serve? A chi ascolta la parte più intima di sè è riservata una finestra sul proprio mondo interiore e su quello circostante che non si può aprire altirmenti.
    Aprila e lascia entrare aria nuova, uscire quella viziata e respira a pieni polmoni.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ciao! Sono Elisa di Sweet Temptation. Ti scrivo perchè sul mio blog, in occasione di questo Natale, sto organizzando l' iniziativa "Per questo Natale regalami un pensiero, non chiedo altro."
    Per partecipare vieni a postare il tuo "regalo morale" sul blog, lasciando anche il link al tuo blog nel post!
    Può trattarsi di qualsiasi genere di "Pensiero" rivolto a chi amate.
    http://elisa-sweettemptations.blogspot.com/2010/11/per-questo-natale-regalami-un-pensiero.html
    Spero che l’iniziativa sia di vostro gradimento.
    L'iniziativa andrà avanti fino al 6 Gennaio 2011.
    Prepariamoci ad un Natale diverso. ♥

    RispondiElimina
  7. alu, dove sei finita? :( un bacione bella! :*

    RispondiElimina
  8. Spero che vada tutto bene...

    RispondiElimina
  9. Buone feste Alu..
    un bacio grande!

    RispondiElimina
  10. Sai che a volte succede anche a me di fare sogni come dire...compensativi? Bel blog!

    RispondiElimina